Il territorio nel suo insieme presenta numerose specificità e si caratterizza per un’evidente condizione di ritardo rispetto al resto della regione. Gli indici di ricchezza economica, le condizioni del mercato del lavoro, la qualità della vita e la dotazione di infrastrutture e servizi, evidenziano le criticità attuali del comprensorio.
Pur in presenza di un quadro generale difficile, sono da segnalare potenzialità ed opportunità in grado di sostenere percorsi virtuosi di crescita per l’intero territorio:  la presenza del  Parco Nazionale del Pollino,  la forte identità culturale di alcune comunità del comprensorio,  il radicamento di tradizioni popolari , il dinamismo delle attività manifatturiere ed artigianali.

Punti di forza Punti di debolezza
Ottima dotazione e qualità delle risorse ambientali Indebolimento della dinamica di sviluppo e persistenza del gap con il resto della Regione
Presenza di un importante patrimonio storico-culturale ancora in buona parte da valorizzare Insufficiente presenza di attività innovative e ad alto contenuto tecnologico
Buona dotazione di servizi ed attività commerciali Persistenti criticità nel rapporti fra banche ed imprese
Buona qualità della vita in termini di basso disagio sociale, scarsa diffusione della criminalità, qualità ambientale, assenza di fenomeni gravi di congestionamento Squilibrio tra area valliva e resto del comprensorio
 
Buona capacità di sviluppo dei servizi socio-sanitari ed assistenziali Bassa qualità dei servizi turistici
Disponibilità di infrastrutture a supporto delle attività produttive Problemi organizzativi interni al comparto agricolo
  Scarsa capacità di coordinamento territoriale di progetti complessi


 

 

 

Opportunità
Minacce
Presenza di una buona domanda turistica potenziale per il patrimonio di risorse ambientali e storico-culturali Possibile incremento dell’emigrazione di risorse umane qualificate, in assenza di opportunità di lavoro adeguate
Esistenza di produzioni agro-alimentari di pregio, valorizza- bili per nicchie di mercato qualificate nel turismo gastrono- mico ed in filiere agro-industriali di qualità Senilizzazione della popolazione
Esistenza di un potenziale di risorse umane ancora da valorizzare pienamente Spopolamento delle aree interne
Nuclei embrionali di imprese manifatturiere dinamiche Abbandono delle professioni legate alle specificità del territorio
Potenzialità turistiche dell’invaso di Monte Cotugno  
Torna all'inizio del contenuto